Dieta: ecco i veri nemici

nemici

I veri nemici della dieta? Non sono solo i cibi.

Ho ricevuto una contributo di un mio paziente sugli ostacoli da affrontare durante un percorso dimagrante. Ovviamente sono considerazioni personali, ma possono essere un ottimo spunto di riflessione sugli aspetti psicologici di una dieta, sia per colui che la segue sia per coloro che in qualche modo ne vengono a contatto, anche indiretto, di un percorso di dimagrimento.

“Intraprendere una nuova dieta o riprenderne una è sempre un momento molto delicato. E’ indispensabile la consapevolezza di dover perdere peso a cui si deve, necessariamente, accompagnare la volontà di farlo. E’ fondamentale, inoltre, individuare la strategia giusta, scegliendo tra un set di alternative quella più efficace e che più si adatta alle proprie abitudini. Successivamente, trovare il tempo per farsi visitare da una nutrizionista alla quale raccontare tutte le nostre debolezze, le insicurezze i nostri difetti fisici. Infine, acquisita la dieta, è necessario cambiare le nostre abitudini e riorganizzare il frigorifero e la spesa per poter attuare il piano alimentare ricevuto.

Ecco che le difficoltà sono tantissime ed in questo percorso è quanto mai fondamentale trovare il conforto e l’incoraggiamento di un amico o un parente.

Ed invece, i peggiori nemici della dieta sono proprio loro, parenti, amici e colleghi.

Sempre la solita storia. Basta dichiarare che si sta a dieta e iniziano i sabotaggi da parte dei nemici.

Ebbene si i primi, unici e veri sabotatori delle diete sono i parenti da quelli più vicini, come nonni, fratelli, sorelle e genitori a quelli più lontani come zii, cugini.

Ogni pranzo o cena o spuntino, che dovrebbe rispettare il piano alimentare individuato dalla nutrizionista, diventa una guerra psicologica, dove ognuno ti invita a mangiare un qualsiasi cibo proibito.

All’offerta di tentazioni, tipicamente si aggiunge anche lo scherno, anche sottile, velato, subdolo con il quale l’interlocutore ti fa presente che non serve a nulla la dieta e che cambiare è inutile perché stai bene come sei.

Inoltre, bisogna affrontare e gestire le feste, i compleanni ed i ritrovi con amici che sono un vero imbuto infernale, dove bisogna resistere a tutti i costi, cercando contemporaneamente di non sembrare maleducato e non far offendere, ad esempio, il festeggiato.

Una vera guerra che, molto spesso, chi si mette a dieta perde inesorabilmente, con sommo dispiacere suo e un finto dispiacere di tutti gli altri.

Molte sono le ragioni che spingono i sabotatori ad accanirsi contro la persona a dieta, ma fondamentalmente la motivazione principale è una: l’invidia. Invidia che qualcun altro stia provando a cambiare, a migliorare il proprio aspetto fisico a migliorare la propria condizione fisica e sociale. Invidia nel coraggio di intraprendere un percorso tortuoso e lungo, invidia nel verificare che si stanno ottenendo i primi risultati. Ecco è solo invidia e lo conferma il fatto che se, invece, dichiari di essere a dieta per motivi di salute, una dieta, quindi, imposta da un medico, nessuno si permette di effettuare sabotaggi perché, in quel caso prevale un altro sentimento la pena.

Per i parenti, invece, la motivazione principale è la sopravvalutazione dell’aspetto fisico ed la conseguente non necessità della dieta, il vecchio detto è sempre attuale: ogni scarrafon’è bello a mammà soja!”

Nemici: Consigli dell’esperto

Credo che le motivazioni siano fondate, anche se la generalizzazione, soprattutto in campo piscologico ed emotivo non è quasi mai corretta, perché concorrono una molteplicità di fattori davvero elevata, ma di questo lascio l’analisi agli specialisti della materia.

Posso solo suggerire qualche possibile strategia di difesa.

Sicuramente, concentrarsi sui risultati che si stanno ottenendo consente di rafforzare la nostra corazza psicologica. Ricordarci, appuntandosi sullo smartphone il peso e la sua diminuzione aiuta tantissimo.

In occasione delle feste in famiglia o le uscite tra amici, quando viene offerto cibo “proibito” giocare di anticipo non solo attraverso il classico “No Grazie”, ma aggiungendo una richiesta di aiuto e collaborazione.

Prima di andare ad una festa, sarebbe meglio mangiare a casa, secondo il piano alimentare concordato, in maniera da non cedere alle tentazioni a causa della sensazione di fame

Infine, ricordare sempre le ragioni ultime per le quali si è deciso di dimagrire: per stare in salute, per sentirsi più belli, più a proprio agio. Essere sempre consapevoli che gli interlocutori in quel momento sono i nostri “nemici” della dieta e come tali non vanno assolutamente assecondati.

 

 

Il migliore Nutrizionista? Ecco chi sono i più bravi.

migliore nutrizionista

Il migliore nutrizionista a Roma, Napoli o Milano, il più bravo o la più brava. Ecco una delle  richieste più frequenti che si ricercano sulla rete.. Tutti alla ricerca di una classifica, tra i migliori o i più bravi biologi nutrizionisti.

Per trovare una risposta dobbiamo, però, individuare dei criteri di selezione, senza i quali non possiamo individuare alcun termine di paragone.

Il primo criterio in assoluto è il titolo di studio.

Il settore della nutrizione è pieno di persone improvvisate e di numerose fonti di informazione. Molte diete vengono rilasciate all’interno di negozi che associano ai piani alimentari anche una serie di prodotti con prezzi molto elevati. Ecco che allora l’obiettivo non sarà tanto la salute del paziente, ma il fatturato del negozio.

I sedicenti nutrizionisti, spesso si fanno chiamare anche coach e utilizzano molto i canali social per raggiungere un numero più elevato di persone. Cercano di attrarre le persone dando l’illusione di poter far ridurre il peso anche di parecchi Kg, in poco tempo e soprattutto con poca fatica. Si riconoscono subito perché pubblicano on line delle immagini che riportano fantomatiche conversazioni con i loro pazienti nelle quali evidenziano la soddisfazione di tutti coloro che hanno seguito il loro metodo, definito spesso “programma”. Le conversazioni sono molto spesso fasulle, create ad arte utilizzando apposite applicazioni che si trovano sugli store di Apple e Android (ad esempio what’s fake). Inoltre, non illustrano mai subito il loro metodo, ma invitano a contattare in privato il coach. Difatti i loro programmi sono basati su uno schema di dieta standard che è possibile trovare anche sui giornali, ma con l’aggiunta di bibitoni definiti anche detox e prodotti vari, come barrette, infusi ecc. Il costo dei prodotti oscilla tra le 80 e le 200 euro al mese e si dividono in pacchetti. Ecco che l’obiettivo anche dei coach è, quindi, quello di vendere prodotti senza alcuna valutazione dello stato di salute del paziente e degli effetti dei bibitoni sull’organismo. I coach non hanno alcun titolo di studio valido, infatti non parlano mai di diete ma di programmi di dimagrimento.

Altro luogo con una elevata presenza di persone che elaborano diete sono le palestre. I personal trainer e gli istruttori elaborano spesso diete da affiancare all’attività fisica, senza averne né titolo né le facoltà. Non si tratta di semplici consigli, ma di veri e propri piani alimentari strutturati su 6 giorni la settimana a cui vanno associati integratori o bibitoni per raggiungere prima i risultati in termini di struttura fisica e di riduzione della massa grassa. Anche in questo caso, si evidenzia la carenza di un titolo di studio adeguato alla elaborazione di diete dei personal trainer che potrebbero portare a problemi seri di salute nel lungo periodo, tenuto conto che l’alimentazione consigliata è sempre troppo squilibrata verso le proteine con un affaticamento eccessivo di fegato e reni. Questa tipologia di diete andrebbe elaborata da professionisti esperti che dovrebbero seguire costantemente i pazienti e tenere sotto controllo lo stato di salute.

Un suggerimento: diffidate, in generale, di chi vi consegna diete o “consigli alimentari” senza intestazione, nome, firma. Significa che:

  • Non si assumono la responsabilità di ciò che vi stanno dicendo di fare;
  • Sono consapevoli di non essere autorizzati legalmente ad elaborare diete e quindi eliminano ogni prova che potrebbe ricondurre quel foglio a loro.

 

Il secondo criterio è l’aggiornamento professionale

I migliori nutrizionisti sono anche quelli che si aggiornano in continuazione, sia in relazione ai nuovi studi che la ricerca scientifica produce costantemente in questo settore sia in termini di nuovi ritrovati a supporto dell’alimentazione.

Un nutrizionista aggiornato è un ottimo indicatore di un livello elevato di capacità di inquadrare correttamente il problema e di trovare la soluzione più adatta al paziente, ai suoi obiettivi e al suo stato di salute.

 

Altro criterio è la strumentazione a disposizione

Sembra banale, ma oggi i migliori nutrizionisti non dispongono solo della classica bilancia pesapersone, ma anche di altri apparecchi molto sofisticati. Oggi una efficiente valutazione nutrizionale non si basa più solo sul peso in termini assoluti e relativi misurati con una bilancia, ma anche su altre misure come la massa grassa, la massa magra, l’analisi dello strato di grasso e della composizione dello stesso, il metabolismo basale ecc.  Quindi avere a disposizione qualche strumento in più rispetto alla classica bilancia può fare la differenza.

La rieducazione alimentare

Un bravo nutrizionista non deve soltanto far perdere peso, ma evitare il cosiddetto effetto yo-yo. Le diete non servono solo a dimagrire, ma devono essere finalizzate ad una rieducazione all’alimentazione, ovvero ad assumere la quantità e la tipologia di cibo più adatta al proprio metabolismo, tenuto conto dello stato di salute, mantenendo la corretta armonia degli elementi.

L’esperienza

Un nutrizionista che lavora da qualche anno ha una maggiore esperienza nel trattare diverse tipologie di pazienti ed ha, quindi, una capacità più elevata di individuare problemi e soluzioni.

Esistono anche altri criteri, ma con quelli elencati sarà più semplice individuare il proprio nutrizionista.

Allora chi sono i migliori nutrizionisti a Roma, Milano, Napoli? Sono quelli che con il titolo di studio, esperienza, adeguata formazione e strumentazione, elaborano diete e piani alimentari personalizzati che tengono conto anzitutto la salute dei pazienti.

 

DIETA: LE QUATTRO “P” PER AVERE SUCCESSO

Preparare una dieta

Per avere successo con una dieta e raggiungere l’obiettivo desiderato bisogna rispettare le quattro “P”: pianificazione, peso, preparazione, porzionamento.

Per affrontare una dieta non basta recarsi dalla nutrizionista e ricevere la dieta. C’è bisogno anzitutto di una buona pianificazione ed organizzazione fisica e mentale.

Pianificare i pasti è, infatti, una strategia che può dare grandi benefici. Uno studio pubblicato su International Journal of Behavioral Nutrition and Physical Activity, sulla base di una ricerca condotta in Francia su 40 mila soggetti, ha dimostrato che la pianificazione consente di raggiungere più velocemente gli obiettivi di riduzione del peso e di avere in generale uno stile di vita più salutare. Programmare l’acquisto degli alimenti, permette di consumare cibi più salutari e di evitare quelli più calorici, attraverso una scelta più ragionata ed acquisti meno impulsivi.

Con la dieta tra le mani, bisogna immediatamente mettersi a studiare e verificare se gli alimenti indicati sono presenti nella dispensa. Quindi, andare a fare la spesa, acquistando tutto ciò che occorre a seguire la dieta almeno per una settimana.

Fondamentale pesare gli alimenti attraverso una bilancia da cucina che indichi il peso esatto degli alimenti. Va bene una piccola bilancia elettronica, se ne trovano anche a 10 euro.

Il passo successivo è la preparazione degli alimenti per tutta la settimana attraverso una buona programmazione. Ad esempio, gli spuntini possono essere organizzati per l’intera settimana. Se la merenda è a base di frutta secca, converrà preparare dei sacchetti di tipo alimentare della quantità di peso indicata nella dieta e preparare, quindi, almeno 12 confezioni. Con la frutta fresca, sarà ovviamente più facile, se la frutta è già porzionata, come mandarini, mele, ecc. Se nello spuntino, oppure a colazione è prevista anche una tisana, può essere preparata la sera prima e portata in un termos a lavoro, oppure, se disponibile un forno a microonde, meglio prepararla al momento. In fondo si tratta di acqua ed un filtro della tisana desiderata.

Il pranzo può essere preparato la mattina prima di uscire, oppure anche la sera precedente, se non si ha tempo dopo la sveglia.

Per la cena, invece, non ci sono indicazioni particolari, l’importante è avere gli alimenti in dispensa.

Per quelli che fanno lavori particolari, su turni o di notte, il consiglio è lo stesso, programmare almeno il giorno prima i piatti da mangiare e da portare al lavoro, ricordando sempre che la dieta non è solo un regime alimentare, ma uno stile di vita che dovrà essere seguito sempre per mantenere il peso ideale e soprattutto per preservare il proprio stato di salute e il benessere psico-fisico.

Infine, è fondamentale, verificare anche l’andamento della dieta, utilizzando una buona bilancia pesapersone, preferibilmente elettronica. Non è necessario spendere cifre elevate, ne esistono anche a buon mercato. L’importante non sarà tanto la precisione assoluta del peso, ma gli scostamenti settimanali. Quindi, procedere a pesarsi all’inizio della dieta e poi ogni settimana, preferibilmente di mercoledì, sempre alla stessa ora e sempre con le medesime condizioni fisiche e fisiologiche.