Il menu riparatore tra Natale e Capodanno

Il menu riparatore tra Natale e Capodanno, ovvero: come rimediare alle “abbuffate”.

Dopo il cenone della Vigilia e il pranzo di Natale è giunto il momento di fare un po’ di depurazione. Soprattutto in vista dei prossimi due giorni di baldoria… 31 dicembre e Capodanno! Diamo un po’ di tregua ai nostri stomaco, fegato, reni, intestino, ecc. con qualche semplice regola.

Sicuramente è importante evitare di compensare con digiuni alternati ad ulteriori abbuffate (magari a causa di avanzi di cibo in casa, presenza di dolci natalizi, serate con amici in cui “facciamo che ognuno porta qualcosa”), ma bisogna mantenere un equilibrio, dei pasti leggeri e cadenzati.

Proviamo un bel “menu di disintossicazione“:

COLAZIONE

Uno yogurt bianco o greco mischiato a 3-4 noci sbriciolate

SPUNTINO MATTUTINO

Un frutto di stagione (in caso di frutti più piccoli, come le clementine, n.2 frutti)

PRANZO

Un primo piatto leggero, sia in quantità che in condimento, preferibilmente a base di cereali integrali (orzo, farro, avena, riso integrale, ecc) con verdure cotte al vapore, lessate o grigliate oppure un minestrone di verdure.

Al primo piatto si può aggiungere una fonte proteica, come dei frutti di mare, del pollo o tacchino o una spolverata di parmigiano. Da non dimenticare MAI un contorno di verdure.

MERENDA POMERIDIANA

Un frutto di stagione oppure uno yogurt magro bianco.

CENA

Un secondo piatto a base di carne bianca o pesce oppure 2 uova o del formaggio a basso contenuto di grassi. Ovviamente un contorno di verdure.

Come condimento è indicatissimo l’olio extravergine di oliva, da utilizzare a crudo, all’incirca un cucchiaino per portata. Via libera alle spezie (salvo controindicazioni specifiche per condizioni fisio-patologiche individuali). Importante, come sempre, bere in abbondanza, soprattutto tra un pasto e l’altro.

Naturalmente non è da trascurare l’attività fisica. Per chi abitualmente va in palestra, fa jogging o va in bici è consigliabile non interrompere le buone abitudini. Chi, invece, normalmente non svolge un’attività in maniera costante, farebbe bene a fare almeno delle belle passeggiate a passo svelto di almeno un’ora tutti i giorni.

Per tanti altri consigli è disponibile il download dell’opuscolo “Come superare indenni le feste di Natale” in questa pagina.

BUONE FESTE A TUTTI!!!!

 

Giovanna Corona

Lascia un commento